12-11-2012: International Dieselpunk Day!

Ciao adepti, in questa vita rotolante e caotica mi trovo ad annunciare un evento mondiale che spero sarà un grande traguardo per Noi che cerchiamo di promuovere una cultura fondando un movimento mai visto prima.

Clicca sull’immagine

Diciamo che questa settimana ho almeno 12 Spade di Damocle differenti appese al collo, tra impegni di lavoro, sessioni d’esami primaverili, pulizie & trasloco, colloqui e appuntamenti vari… Ma trovo sempre il modo di chiedere un permesso retribuito al mio grande amico e Maestro Padre Tempo. Lo so, qualcuno di Voi si lamenterà che non sto più partorendo quei post pregni di folli teorie e novità tecnologiche… Ma insomma, finché sarò soggetta alle leggi di densità di probabilità, mi tocca usare il tempo terrestre come meglio riesco.

La novità di cui vi voglio parlare oggi è una festività che fino a poco fa non esisteva. E’ una festività nata da poco, che si ricollega alla crescente spinta da più parti del mondo affinché l’estetica e la fantascienza Dieselpunk, oltrepassando i confini dell’arte e della moda, giunga infine ad essere riconosciuta come una vera e propria cultura.

Il Dieselpunk – per chi ancora avesse dei dubbi su cosa sia e su cosa si fondi, vi rimando al mio breve e godibile bigino – sta lentamente prendendo piede inizialmente come filone fantastico che trova spesso espressione alle Convention dove s’incontrano belle facce di questo tipo:

Trova l’intruso! Alias, l’ibrido Steam-Diesel tra tutti questi splendidi Steampunker gentleman e ladies.

… Ma finalmente, grazie agli sforzi congiunti di piccoli domini di appassionati in giro per il mondo, sta iniziando ad ottenere il riconoscimento che merita. Perché questo movimento ucronico non è solo un discorso di goggles, oggetti, vestiario e libri o film. Dietro questa (irresistibile) facciata nasconde un profondo messaggio di stile di vita, intrattenimento, cultura, dialogo e… beh, sì, amicizia.

L‘International Dieselpunk Day è un giorno che è stato scelto come celebrazione mondiale di questa cultura. L’obiettivo, come potete leggere dalle pagine del blog ufficiale a cura degli amici di Dieselpunks.org, è quello di coordinare e promuovere eventi, convention, e altri tipi di ritrovi d’interesse insieme agli appassionati di tutto il mondo. La giornata del 12 Novembre è stata scelta in quanto si tratta della ricorrenza della fine della I Guerra Mondiale (12 Novembre 1918), che la maggior parte degli esperti di questa cultura identifica come il momento in cui inizia l’Era del Diesel, caposaldo del nostro immaginario collettivo. Non bisogna dimenticare, comunque, che molti di noi tendono a considerare questa “finestra temporale” molto più elastica ed espandibile.

Non sarà un evento con un’unica sede e un biglietto d’ingresso; sarà un evento libero a tutti, a chiunque abbia voglia di mettersi in gioco e reinventare la storia attraverso un sensuale mix di cultura, intrattenimento e fashion. E poiché – per il momento – è principalmente attraverso il canale del Web che la nostra cultura si espande e corre alla velocità di un raggio laser, Internet sarà il veicolo eletto per pubblicizzarla ma anche per ritrovarsi, festeggiare e parlarne. Nessuno vi vuole obbligare a vestirvi da coscritto polacco e bardarvi di tutto punto, possiamo anche farci una semplice chiacchierata telematica e dirci quanto ci piace crogiolarci nel nostro mondo!

Vi annuncio quindi, con grande gioia, che il mio progetto Dieselpunk Italian Manifesto è divenuto uno dei partner-sostenitori ufficiali dell’iniziativa, come testimoniato dal sito dell’evento!

Di seguito i contatti principali, che vi prego di diffondere il più possibile se avete apprezzato quanto esposto:

Gruppo ufficiale su Facebook

Blog (dagli amici di Dieselpunks.org)

Dieselpunk Italian Manifesto

Ho un solo avvertimento per Voi, sia che siate semplici curiosi o appassionati sfegatati. Qui non c’è posto per rivalità da primadonna oppure ostentazioni da passerella. Siamo un esercito unito, un’amicizia trascendentale, una fratellanza virtuale che corre sul Web e ai pochi ritrovi.

Spero un giorno di riuscire a organizzare qualcosa di stupendo, qualcosa di grandissimo, dove finalmente potervi invitare per davvero e conoscervi tutti dal vivo. Ma ora come in futuro, desidero soltanto vedere amicizia e libero scambio di idee tra gli appassionati, non micro-conflitti da reality-show di quart’ordine.

Pena la degradazione immediata e un lancio nell’Etere senza paracadute dal mio Zeppelin personale.

Speciale MUSICA – II – Rétro-Modern? Yes! Ja! Oui! Si!

Nostalgia, nostalgia…

No, non è la canzone che tutti pensano, quella italiana. E’ una musica diversa, quella che risuona nella mia testa ora…

Una musica più antica, ma non troppo.

Vi ricordate dell’Art-Déco e delle foto tipiche degli anni tra le due guerre, l’epoca del Diesel e delle pin-up, per citarne solo un paio??? Sì? Anche io. Anche se non c’ero ancora, fisicamente. Ma quanto mi piacciono quei tempi.

Un marine dipinge una donnina a grandezza naturale sulla carrozzeria...

... E pensate se tutti i militari fossero così!

Ho sempre desiderato somigliarle.

Conoscete Max Raabe (–> Wikipedia Biografia) ? Credo sia un artista di questo secolo. Anche lui non c’era, all’epoca. Eppure… Brani propri, ma anche Cover di pezzi storici pop, rock, moderni, vintage… Con una vena, direi unica, di nostalgia rétro. Di uno stile che è andato quasi dimenticato. Uno stile unico, perché riesce a tenere insieme con quella vocetta androgina tutta la Palast Orchester!

Come quello della seconda Belle Epoque dell’Europa: quella successiva alla prima – gli anni ’20-’40. Particolarmente gli anni di mode, persone, forme d’arte che giudicherei particolarmente “stilose”.

…Provate a fondere due correnti qualsiasi. Otterrete un mélange, certo. Magari anche bello.

… Ma io avevo in mente qualcos’altro. Niente è come la sensibilità e la tecnologia moderne che reinterpretano la finezza e il sentimento di allora!

Ecco, questa rende bene l'idea. Dieci punti a chi indovina che cos'è. Un indizio: parte dell'iconografia filmografica di ogni amante del Dieselpunk.

Dunque, vi ho parlato di un cantante, prima. Eccolo qui! Max Raabe – Impomatato, acuto e impettito come pochi. Questa versione di Sex Bomb è stata la musica di un noto spot commerciale!

E termina qui il nostro breve viaggio (mentale) nell’immaginario dell’estetica e della musica Dieselpunk, Rétro e Moderno fusi assieme. Vi lascio con Wolfgang Parker (–>On Myspace), un altro che di stile unico se ne intende. Ma si trovano davvero poche tracce di lui, ovunque come in giro per il Web…

Meravigliose reinterpretazioni in chiave rock’n’roll di swing e pezzi d’epoca conosciuti, come questa stupefacente cover di English Lover.  E che mi dite di Room 19. Aggressiva e quasi punk. Da non perdere quando e se capiterà in Italia. Buonanotte.

Speciale Scienza I – MECCANIZZARE IL PENSIERO

Spero Iddio che questi calcoli possano essere eseguiti da un motore a vapore!” – C. Babbage

Charles Babbage (1791 - 1871)

Tutti sono affascinati dalle incredibili visioni e anacronismi tecnologici su cui si basa la cultura Steampunk, ma forse non tutti sanno che l’umanità ha rischiato di entrare nell’era digitale delle telecomunicazioni ben prima del suo tempo, a metà ‘800, grazie a un certo Charles Babbage.

Charles Babbage, chi è costui? Un matematico e filosofo britannico, che per primo ebbe l’idea di un calcolatore programmabile. Nel mondo dell’informatica è considerato un vero pioniere, anche più dei coraggiosi informatici che un giorno recuperarono i progetti delle sue macchine per realizzare tramite dispositivi elettronici ciò che oggi conosciamo come computer: un calcolatore multi task.

La macchina differenziale

Babbage presentò il modello di quella che lui chiamò una macchina differenziale alla Royal Astronomical Society nel 1822. Il suo scopo era, allora, quello di creare un calcolatore automatico basato sul metodo numerico delle differenze polinomiali finite.

Di tale macchina venne realizzato un prototipo imperfetto, e i continui problemi del progetto (ingranaggi non buoni, cambi di idea e discussioni interne allo staff) portarono al taglio dei finanziamenti da parte del governo.

Una parte della macchina differenziale.

La macchina analitica

Tra il 1833 e il 1842 Babbage presentò un nuovo progetto, e tale dispositivo è sicuramente quello più interessante: una macchina (totalmente meccanica) che fosse programmabile per eseguire ogni genere di calcolo, che marcasse la progressione dal calcolo meccanizzato alla computazione completamente general-purpose.

Babbage adattò per essa il telaio di Joseph Marie Jacquard, che usava schede perforate per determinare la trama del tessuto, in modo che esse riproducessero uno specifico “pattern” di elaborazioni matematiche. Proto-programmi, insomma.

La Macchina analitica aveva:

– dispositivi d’ingresso basati su schede perforate

– un processore aritmetico interno

– una unità di controllo

– un meccanismo di uscita e di stampa

– una memoria temporanea dove i risultati delle operazioni potevano essere mantenuti in attesa del loro turno di elaborazione.

… Ma è proprio lo schema di un computer, non vi sembra?

In effetti, il progetto concreto venne alla luce nel 1837, e lady Ada Lovelace s’interessò parecchio ad esso, scrivendo inoltre diversi programmi in quello che oggi chiameremmo l’antenato del linguaggio Assembly. Ma essa non fu mai realizzata.

Molti misteri ruotano intorno a questa mancata realizzazione… C’è chi dice che fu a causa di difficoltà tecniche dovute alla tecnologia dell’epoca, oppure di conflitti sindacali con i meccanici e lo staff che si tennero in ostaggio i componenti; fatto sta che anche questa volta l’ambizioso progetto rovinò dalle stelle alle stalle.

Un epilogo moderno

La macchina analitica !!!

Nel 1985 il Museo della Scienza di Londra riportò in auge il progetto originario, e seppur tra mille difficoltà non troppodiverse da quelle che Babbage stesso incontrò a suo tempo, la Macchina venne completata nel 2002, seguendo fedelmente i disegni originali e usando soltanto materiali già disponibili all’epoca.

Sorprendentemente, tale geniale artefatto funziona esattamente come Babbage intendeva facesse.

Babbage fu il primo che ebbe l’idea di duplicare una funzione cognitiva con le macchine. Ma la tecnologia della sua epoca gli impose limiti ben più pesanti di quelli che ebbero i pionieri dell’era dell’informatica elettronica della metà del 900.

Eppure, come abbiamo visto con la moderna realizzazione londinese, sarebbe stato comunque possibile costruire un computer perfettamente funzionante implementando le funzioni di base in ferro e ottone, costruendo un dispositivo totalmente meccanico. Vederlo funzionare è a detta di molti qualcosa di stupefacente.

L’era digitale nell’800

Le macchine di Babbage, antenate dei moderni computer, assieme alla figura stessa di questo illustre scienziato dell’età vittoriana sono risultate suggestive anche per gli scrittori di fantascienza.

Ora, pensiamo per un attimo alle incredibili implicazioni sociali e filosofiche che la realizzazione di un progetto simile, all’epoca, avrebbe comportato… Insomma, se non fossero intervenute tutte quelle complicazioni (che non c’entravano assolutamente nulla con i limiti tecnologici in sé, come abbiamo visto) che Babbage incontrò, come si sarebbe evoluta la nostra civiltà?

Come sarebbero, ad es., le nostre città? Avremmo lo stesso inventato la televisione? E la musica che suono avrebbe? Le telecomunicazioni sarebbero andate avanti comunque fino ad arrivare ai nostri giorni così come le conosciamo, o magari avremmo inventato nuovi metodi non più basati sul digitale ma sull’analogico? E il mondo del lavoro, la politica…? Un mondo più hippie sarebbe stato possibile, forse…

… Vi lascio con un’ultima domanda aperta, a proposito di analogico… Oggi i progetti informatici di reti neurali, basate su tecnologia analogica e non digitale come quella dei pc di uso comune, è tornata alla ribalta nel tentativo di costruire macchine magari più imperfette, ma che funzionino esattamente come un cervello umano… Tutto questo non vi fa pensare…?

…Che zio Charles avesse ragione, in fondo.

Meccanizzare il pensiero”, è la più alta ambizione umana, che ha un retrogusto di pura, folle demiurgia.